21.02.2017

S.E.S.A. RISPONDE AL COMUNICATO UIL

In relazione al comunicato diffuso dalla UIL nella giornata di martedì 21 febbraio, S.E.S.A. puntualizza quanto segue:

"Abbiamo ben presente il valore del servizio reso dal nostro personale e la responsabilità che abbiamo nei confronti dei cittadini, tanto è vero che abbiamo continuato ad erogare il servizio nonostante gli enormi ritardi nei pagamenti che ormai sono arrivati in pratica ad un anno di lavoro. Solo la gestione oculata dell'azienda ha permesso di non interrompere il servizio. Tuttavia non possiamo non segnalare la gravità della situazione alle autorità competenti; nessuna azienda può permettersi di lavorare senza essere pagata. ​E ci amareggia molto pensare che i soldi sono stati pagati dai cittadini ma non sono arrivati a chi ha realmente svolto il lavoro e come se non bastasse, lasciando pure altri debiti in Padova Tre. La nostra non è una accusa ma una constatazione: da più di un anno abbiamo detto di non voler aumentare le tariffe ai cittadini e il nuovo corso di Padova Tre dimostra che è possibile coniugare tariffe basse e buon servizio, a patto che non ci siano sprechi".