26.02.2019

NEL 2040 PIU' BIOCARBURANTI E 300 MILIONI DI AUTO ELETTRICHE.

Articolo tratto da “Il Sole 24 Ore” del 26 febbraio 2019  


Energia, Mobilità. Petrolio e carbone non spariranno. Cresceranno le altre fonti ma in una lunga transizione frenata dai vincoli burocratici


di Jacopo Giliberto


C’è chi pensa che sia ' finita da 5o anni l'era del carbone e dell'acciaio e che stia per finire anche quella del petrolio e
della plastica, per aprirsi l'era del silicio (energia) e del silicio (per produrre e consumare). Eppure a dar retta al nuovo Outlook della Bp - l'accreditata analisi previsiva con cui ogni anno la compagnia petrolifera cerca di intuire il futuro - le ferite del carbone non sono mortali, il petrolio è ancora in sella e l'auto elettrica è sì in arrivo ma la transizione ha una gradualità nel tempo. Cresceranno i biocarburanti come il biodiesel, il biopetrolio e il biometano, meno inquinanti dei carburanti tradizionali. L'Italia sembra propensa ad accoglierli ma, come spesso accade, mentre vengono decisi incentivi (come quelli varati nel marzo 2018) nel mezzo si frappongono regole tecniche o carenze normative o comitati locali contrari agli impianti.

Previsioni a 20 anni

Ma che cosa pronostica per il 2040 la Bp nel nuovo Outlook? Gli analisti prevedono che tra 20 anni ronzeranno sulle strade del mondo 350 milioni di veicoli elettrici, dei quali 300 milioni saranno automobili. Un numero enorme e al tempo stesso limitato, appena il 15% di tutte le auto. Infatti il settore dei trasporti continuerà a essere dominato dai combustibili petroliferi, a dispetto del ruolo sempre maggiore di elettricità e gas. In uno scenario di transizione evolutiva senza strappi e accelerazioni, il peso di benzina e gasolio nel segmento dei trasporti scenderà dal 94% attuale all'85% del 2040, a vantaggio del metano, dell'elettricità e dei biocarburanti. Insieme, queste fonti di alimentazione soddisferanno più della metà della crescita del fabbisogno di energia nei trasporti, coprendo il 5% della domanda nel 2040. In particolare, il ricorso ai biocarburanti crescerà fino a 2 milioni di barili di petrolio al giorno soprattutto nei trasporti stradali e, in misura contenuta, nell'aviazione.

I vincoli delle norme

Tutti ecologisti e "alternativi" a parole, ma nei fatti l'economia circolare e l'uso del biometano agricolo sono bloccati in una spirale di burocrazia e di quelle stesse leggi che (in teoria) vorrebbero promuoverli. È il caso del biometano, segmento nel quale circa 1.200 aziende hanno investito negli ultimi dieci anni oltre 4,5 miliardi di euro, dando vita in Italia a uno dei laboratori di economia circolare più importanti in Europa e nel mondo.


Come ha osservato Piero Gattoni, presidente del Cib (Consorzio italiano biogas) «l'attuale Governo è sensibile ai nostri valori ma, purtroppo, dobbiamo segnalare l'esistenza di cortocircuiti burocratici che continuano a bloccare lo sviluppo del nostro settore, imponendo, ad esempio, delle restrizioni assurde sul fronte dell'alimentazione dei biodigestori e impedendo, di fatto, le riconversioni degli impianti esistenti dalla produzione di biogas per la produzione elettrica a quella di biometano per i trasporti». Se ne parlerà a Biogas Italy, a Milano, dal 28 febbraio al primo marzo, organizzato dal Cib.

Lavori in corso


Eppure, qualcosa si muove. A Marghera e a Gela (si veda Il Sole 24 Ore del 22 febbraio) stanno partendo grandi impianti per il biodiesel, le cui materie prime potranno essere non solo l'olio di palma (certificato, per evitare che venga da colture che hanno incentivato deforestazioni) ma soprattutto gli scarti delle lavorazioni dei grassi, come le sanse delle lavorazioni degli olio l'esito delle fritture nei fast food. Giuseppe Ricci, capo raffinazione e marketing dell'Eni, e lo scienziato Ennio Fano, presidente del Renoils (consorzio nazionale degli oli e dei grassi vegetali e animali usati), hanno appena sottoscritto un accordo di collaborazione per il recupero degli oli vegetali. Per produrre biodiesel l'Eni recupera circa il 50% di tutti gli oli alimentari usati disponibili in Italia. Ora, con le aziende di rigenerazione aderenti al consorzio, amplierà la possibilità di impiegare questi rifiuti per produrre biocarburante di qualità nelle due bioraffinerie. Gela potrà arrivare a produrre 7oomilatonnellate l'anno di biodiesel; sempre in quell'area, è appena partito l'impianto pilota che estrae biopetrolio da 700 chili al giorno di rifiuti organici. Materiale, questo, usato anche a Sant'Agata Bolognese dal Gruppo Hera per la produzione di biometano, con un investimento da 37 milioni (il primo di una multiutility in Italia). Saranno 100, invece, i milioni investiti entro il 2022 da Snam nella realizzazione di infrastrutture per il biometano. Un piano completo, quello di Snam (da 85o milioni complessivi), che passa anche da un accordo con Coldiretti, Bonifiche Ferraresi, A2A e Gse per dar vita alla prima filiera di biometano agricolo e dalle acquisizioni di Ies Biogas ed Enersi Sicilia (titolare di un'autorizzazione per un impianto Forsu a Caltanissetta). Snam ha già allacciato alla sua rete sei impianti, mentre un'altra trentina è in fase di connessione e ci sono già oltre 140 richieste di produttori. Intanto, venerdì scorso è stato fatto il primo pieno di biometano puro in Italia, a Rapolano Terme (Siena), da un distributore a marchio IP realizzato da Snam4Mobility.
In attesa dell'era delle auto elettriche, la mobilità sostenibile (cui è dedicato il Rapporto odierno del Sole 24 Ore) passa anche dai biocarburanti.